2016, anno internazionale dei legumi

anno internazionale dei legumi

Gustosi, leggeri e molto nutrienti, i legumi sono un cibo proteico prezioso, che nel 2016 riceverà il giusto encomio visto che la Fao ha scelto di nominare il 2016 anno internazionale dei legumi.

I legumi, come ad esempio i fagioli, i piselli, i ceci, ma anche quelli più speciali e particolari, come la cicerchia, la fagiolina e la roveja, sono alimenti sani, ricchi di proteine vegetali e anche di preziosi sali minerali. Porto sicuro al quale approdare per le persone che seguono una dieta vegetariana o vegana, i legumi rappresentano la loro fonte di proteine primaria, perché alternativa alle carni, al pesce e anche ai derivati animali come il latte e le uova.

Non stupisce sapere che si tratta di un alimento importante, vitale in alcuni paesi del mondo dove l’accesso alla carne e al pesce, ovvero alle proteine animali, è molto limitato. Le proteine svolgono infatti una funzione fondamentale nella crescita dei bambini, ma anche nella costruzione della muscolatura e nel buon mantenimento dell’apparato osseo scheletrico.

I legumi sono inoltre caratterizzati da un basso contenuto di grassi e da un elevato contenuto di fibre solubili e di agenti nutritivi preziosi. I legumi sono una fonte importante di aminoacidi, sono abili nel gestire il colesterolo e anche nel mantenere in buona salute l’apparato digerente. A ciò si associa la presenza di sali minerali, che aiutano la sintesi dei nutrienti e rafforzano il fisico in generale. Alcuni legumi piuttosto che altri contengono infatti magnesio, ferro, ma anche minerali più rari come lo zinco o il selenio.

I legumi sono quindi considerati il cibo perfetto per combattere la malnutrizione, soprattutto nei paesi poveri. Sia per quanto riguarda l’eccesso di calorie che la denutrizione, i legumi giocano un ruolo importante, perché riescono a nutrire e quindi a donare energia positiva senza far ingrassare le persone, nel senso pieno del termine, ovvero senza far parte di una dieta ricca di zuccheri e di grassi che si propone pericolosa per la salute. Non a caso la famosissima dieta del minestrone propone di accompagnare le verdure proprio con l’apporto dei legumi.

Dal punto di vista etico e ambientale, la coltivazione dei legumi può essere decisamente positiva e migliorare anche il terreno dove essi crescono, aumentando l’efficacia dei sistemi di irrigazione e riducendo in modo importante la quantità di fertilizzanti richiesti durante la coltivazione, quindi di conseguenza l’emissione di gas serra nell’ambiente.

La Fao ha quindi deciso di dedicare a questi alimenti l’anno in corso, perché si tratta di un cibo prezioso, povero nel senso lato ma ricchissimo nella realtà. I legumi sono buoni dal punto nutrizionale e anche etico-ambientale, possono aiutare a limitare le carenze nutrizionali nei paesi poveri e migliorare la dieta quotidiana nei paesi benestanti. La loro introduzione è amica della biodiversità, perché tante sono le specie di legumi che sono scomparse dalle nostre tavole e che meritano di essere reintrodotte con piani creati ad hoc. È questa la missione dell’anno internazionale dei legumi, ovvero puntare sulla salvaguardia delle specie esistenti, soprattutto le più speciali, e dare il via ad una serie di incontri, dibattiti e corsi per elevare la conoscenza su questi prodotti così importanti ma forse poco conosciuti a livello generale.

Le maggiori istituzioni hanno quindi creato molto materiale informativo sull’argomento e si preparano a organizzare numerosi incontri ed eventi legati al tema dei legumi e al loro interessante universo. In particolare, merita di essere letta la guida creata da Slow Food per l’evento ‘In Bocca al Lupino‘, un pdf che può essere scaricato gratuitamente dal portale ufficiale Slow Food e consultato per comprendere le diverse tipologie di legumi e le loro caratteristiche, nonché per insegnare alle generazioni giovani l’importanza di questo alimento così buono e prezioso per la nostra salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.